MOSTRE e Biografia...

UN NUOVO INIZIO CON MINI DISEGNI

Le opere attuali di Giovanni Gambasin sono cosmi estremamente dettagliati in formato miniatura, realizzati con matite colorate, inchiostro e acquerelli su carta.

Nel gioco di linee, contrasti chiaroscurali e colori delicati, forme e ornamenti dall'aspetto organico e ricco di riferimenti si dispiegano in una densità travolgente.

L'artista rimane sempre fedele al surrealismo, a cui si è dedicato per decenni, ma in una forma completamente nuova. 

Il suo lavoro inizia senza un prerequisito o un programma. Carta e colori sono sufficienti.

Nel processo creativo, le linee e le forme prendono forma e producono significati, di cui l'artista diventa gradualmente consapevole fino al completamento delle opere. Agli spettatori resta la gioia di scoprire da soli questi riferimenti e significati.

A NEW BEGINNING WITH MINI DESIGNS

Giovanni Gambasin’s current works are extremely detailed cosmoses in miniature format, made by colored pencils, ink and watercolors on paper.

In the play of lines, chiaroscuro contrasts and delicate colors, organic looking and rich in references shapes and ornaments unfold in an overwhelming density.

The artist always remains faithful to surrealism, to whom he dedicated himself for decades, but in a completely new form. 

His work begins without a prerequisite or a program. Paper and colors are enough.

In the creative process, the lines and shapes take shape and produce meanings, of which the artist gradually becomes aware until the completion of the works. Viewers are left with the joy of discovering these references and meanings for themselves.



ANNO 2023



 

COREA


Museo Fantapia - Corea                          5-10 > 31-10 2023


 

MUSEO D'ARTE FANTAPIA

FESTIVAL INTERNAZIONALE D'ARTE FIAG

 

Un certificato di registrazione delle reliquie

 

Quest'opera è stata ufficialmente registrata come reliquia del Museo d'arte Chang Kil-Hwan. Quest'opera sarà conservata in modo permanente e non verrà utilizzata a fini commerciali, non sarà ceduta a nessun'altra istituzione o individuo, ma solo per lo sviluppo della cultura artistica umana e della ricerca e dell'istruzione.

 

25 ottobre 2023

 

Direttore dell'Arte Myung Tae-sook,

Ministero della Cultura della Corea Antying.

 

 

_______________________________________________

 

DIPLOMA

 

Festival Internazionale dell'Arte FIAG

 

- L'uscita più spettacolare -

 

PREMIO TELA D'ORO

 

Giovanni Gambasin Italy

 

Questo premio viene assegnato a persone perché hanno impressionato con i loro eccellenti lavori all'International FLAG Art Festival 2023

 

5 ottobre 2023

 

Presidente del Festival Internazionale d'Arte FTAG

 

Direttore dell'Arte Myung Tae-sook,



 

Finisagge


Ausstellung mit Werken von GAMBASIN im Rathaus in Mindelheim


Mindelheimer Kurier, 2 Novembre 2023

Foto: Glöckner

 

L'artista Giovanni Gambasin spiega di fronte ai suoi dipinti nei corridoi del municipio.

Il soprannaturale in municipio

Finissage della mostra di Giovanni Gambasin

 

 

Mindelheim - Non dite a nessuno che i municipi tedeschi hanno difficoltà ad affrontare i cambiamenti. Il municipio di Mindelheim è stato particolarmente impegnato in questo senso negli ultimi mesi.

 

L'arte del cambiamento si è recentemente manifestata con il titolo "Metamorfosi", una mostra di circa settanta dipinti surrealisti, che si potevano ammirare, tra l'altro, nei corridoi e nelle stanze dai dipendenti del municipio. Le opere dettagliate e simboliche di Giovanni Gambasin conducono direttamente "pittoricamente" nel regno avventuroso della fantasia e dell'immaginazione magica. E, come ha detto Christian Schedler nel suo discorso elogiativo, "sfidano lo spettatore a riconoscere il significato e la forma". Il sindaco del municipio, Stephan Winter, e il responsabile del dipartimento culturale hanno sottolineato lo stretto legame con l'artista settantenne, che vive in un'incantevole tenuta di campagna in Veneto, dipinge da autodidatta fin dalla giovinezza ed è entrato in contatto con la città del distretto grazie ad alcune conoscenze casuali di famiglie di Kaufbeuren e Mindelheim.

 

I dipinti di Gambasin, che non sono stati esposti qui per la prima volta, sono impegnati nel surrealismo. Come membro dell'equipaggio di un sottomarino, l'italiano scoprì in una rivista un quadro di Salvador Dalì, al cui stile era da tempo vicino: una pittura piena di allusioni, di congetture e di eventualità espresse artisticamente. 

Così, sia i lavoratori del municipio che i visitatori sono stati invitati a dare un'occhiata più da vicino.

 

Ribellione nell'edificio ufficiale? 

 

Ciò risulta più chiaro se si esaminano più da vicino i titoli di alcuni dipinti: "Ribellione, crollo", "Tentativo d'unione - tentativo di unificazione" o "Speriamo che regga" dalla sala riunioni al piano inferiore. Il municipio, ci si chiedeva inaspettatamente? Naturalmente anche questo ci ha fatto sorridere. Così come l'osservazione di Schedler secondo cui Gambasin lavora in modo del tutto incondizionato e non programmatico e arriva ai suoi risultati onirici solo attraverso un processo. Una spiritosa simbologia anche per l'ufficio?

 

Si è conclusa così una mostra meravigliosa che non ha lasciato nulla a desiderare in termini di sopranaturalità: qualcuno avrà pensato tra sé e sé: Avremmo potuto fermarci un po' di più, visto che ci siamo già abituati al surreale. 

L'arpista Janine Unglert di Stetten ha fornito quella sera suoni assolutamente terreni e artisticamente sofisticati con quattro brani finemente interpretati, tra cui una sua affascinante composizione.

 

 

Übersinnliches im Rathaus

Finissage zur Ausstellung von Giovanni Gambasin

 

Der Künstler Giovanni Gambasin als Erklärer vor/bei seinen Gemälden in den Rathaus-Fluren.

 

Foto: Glöckner 

Mindelheim - Sage niemand, Deutschlands Ämter täten sich schwer mit Veränderung. Im Mindelheimer Rathaus beschäftigte man sich mit diesen in den letzten Monaten ganz besonders.

 

Deutlich sichtbar wurde die Kunst des Wandels zuletzt unter dem Titel „Metamorphosen", einer Ausstellung von etwa siebzig surrealistischen Bildern, die unter anderem in den Gängen und Räumen von Rathausangestellten bewundert werden konnten. Die detailreich symbolhaften Werke Giovanni Gambasins führen unmittelbar „bildlich" ins abenteuerliche Reich der Fantasie und magischer Vorstellungskraft. Und, wie Christian Schedler bei seiner Laudatio sagte, fordern sie die Betrachter heraus, darin auch Sinn und Form zu erkennen". Der Rathauschef Dr. Stephan Winter und der Kulturamtsleiter betonten die gewachsene Verbindung zu dem siebzigjährigen Künstler, der in Venetien auf einem reizvollen Landsitz lebt, schon seit seiner Jugend als Autodidakt malt und durch einige zufällige Bekanntschaf ten über Kaufbeurer und Mindelheimer Familien mit der Kreisstadt in Kontakt kam.

 

Die Bilder Gambasins, die nicht zum ersten Mal hier ausgestellt waren, sind dem Surrealismus verpflichtet. Als U-Boot-Besatzungsmitglied entdeckte der Italiener in einer Zeitschrift ein Bild Salvador Dalis, dessen Stil er schon längst nahe war: einer Malerei voller Andeutungen, künstlerisch ausgedrückter Mutmaßungen und Eventualitäten. 

So waren im Rathaus Tätige und Besucher gleichermaßen zum genaueren Hinschauen eingeladen.

 

Rebellion im Amtsgebäude? 

 

Was sich deutlicher erschloss, wenn man die Titel mancher Gemälde genauer inspizierte: Richtung erster Stock, also auch zu Bürgermeister und Pressestelle Rebellion, Zusammenbruch", „Tentatio d'unione-Versuch einer Vereinigung" oder vom Sitzungssaal treppab Hoffen wir, dass es hält". Das Rathaus, fragte man sich unversehens? Das lud natürlich auch zum Schmunzeln ein. Genau wie Schedlers Kommentierung, dass Gambasin völlig voraussetzungslos und unprogrammatisch arbeite und erst prozesshaft zu seinen traumhaften Ergebnissen komme.. Gewitzte Symbolhaftigkeit auch für's Amt?

 

Zu Ende ging somit eine wundersame Ausstellung, die nichts an Übersinnlichkeit zu wünschen übrig ließ: Manche mögen so bei sich gedacht haben: Hätte ruhig noch ein Weilchen bleiben können, hat man sich doch ans Surreale schon gewöhnt. Für total irdische und künstlerisch-versierte Klänge sorgte an diesem Abend die Harfenistin Janine Unglert aus Stetten mit vier fein interpretierten Stücken, darunter eine faszinierende Eigenkomposition.



PIEVE in ARTE

Settembre 01- 24 - 2023


- Le opere presentate da Gambasin a Pieve del Grappa mostrano un'estetica surreale e unica, che ha consolidato nel corso degli anni. L'artista esplora il mondo dell'immaginazione e della fantasia, creando opere intriganti e misteriose attraverso l'uso delle matite e dei colori acrilici. La sua ricerca artistica si concentra su temi insoliti, stravaganti e fuori dal comune, che catturano l'attenzione dello spettatore e lo portano in un viaggio nel mondo dell'irreale. Le opere di Gambasin a Pieve del Grappa dimostrano la sua continua esplorazione artistica e la sua capacità di trasmettere emozioni e sensazioni attraverso l'arte surreale.

 

 

 

- Le opere esposte hanno ricevuto molti apprezzamenti da parte del pubblico e sono state anche oggetto di interesse da parte di alcuni collezionisti. È stata un'esperienza molto stimolante e gratificante poter condividere il mio lavoro con gli altri artisti e con il pubblico. Sono felice di aver avuto l'opportunità di partecipare a questa collettiva e spero di poter continuare a farlo in futuro.



SURREALISMO - L'arte del Sogno

Settembre 23- 30 - 2023

Luogo: ArteBo Gallery, Bologna-Italy


La tua partecipazione alla mostra collettiva "L'arte del Sogno" a Bologna, curata dal gallerista Roberto Lacentra, è stata davvero eccezionale. La mostra, dedicata al Surrealismo, si è tenuta dal 23 al 30 settembre, e ha visto l'esposizione di diverse opere di artisti provenienti da tutto il mondo.

 

Le tue opere esposte in questa mostra sono state un vero capolavoro surrealista che ha suscitato grande interesse e ammirazione da parte del pubblico e dei critici d'arte presenti. La tua abilità nel creare immagini oniriche e misteriose ha portato tutti in un viaggio nel mondo degli incubi e dei sogni.

 

La tua partecipazione ha portato un contributo unico alla mostra, grazie all'originalità dei tuoi concetti e alla maestria con cui hai saputo rappresentarli. Ogni dettaglio dell'opera trasmetteva un senso di mistero e meraviglia, catturando l'attenzione di chiunque si fermasse ad ammirarla.

 

La curatela di Roberto Lacentra ha consentito di mettere in luce l'eclettismo delle opere in mostra, offrendo al pubblico una panoramica completa sul surrealismo contemporaneo. La sua guida attenta e meticolosa nella selezione degli artisti ha permesso agli spettatori di apprezzare la varietà di stili e approcci presenti nella mostra.

 

Nel complesso, la tua partecipazione alla mostra "L'arte del Sogno" è stata un successo. Hai saputo catturare l'essenza del surrealismo con il tuo lavoro, trasportando gli osservatori in un mondo fantastico e incantato. Il tuo talento artistico e l'impegno nella realizzazione dell'opera hanno sicuramente reso onore all'evento e contribuito alla sua riuscita complessiva.



Il bello e il brutto nell'arte attuale

Giugno 15-22, 2023

Curatore: Carmelita Brunetti

Luogo: ArteBo gallery, Bologna-Italy


IL BELLO E IL BRUTTO NELL’ARTE ATTUALE curato da Carmelita Brunetti organizzato da ARTonWorld.com insieme a Roberto Lacentra di ArteBo, si presenta molto interessante perché gli artisti che vi partecipano sono tutti

apprezzati nel panorama artistico internazionale. Le opere dei dieci artisti: Anna Letizia Candelise, Gambasin, Roberto Lacentra, Dieter Hanf, Andréa Lobel, Federica Nobili Designer, Arie Otten, Marcello Perruzza, Danilo Preto, Camille Ross, interpretano il tema della rassegna seguendo il proprio linguaggio artistico.

Sfilano nelle sale della galleria suggestive opere realizzate dall’architetto e artista Anna Letizia Candelise che con alcuni soggetti mitologici di Il ritorno di Kore e Orfeo, oppure in la Città Castello di Rocca Imperiale, interpreta i mali della nostra società, così parafrasando la mitologia invita a riscoprire la bellezza dei luoghi e dell’anima delle persone. L’artista Gambasin è straordinariamente coinvolgente con le sue creazioni surreali, si vedono forme geometriche che nella circolarità della forma nella Sfera Creativa rimanda l’osservatore alla bellezza della vita per poi affondare negli Abissi Marini per apprezzare il mistero che la vita contempla attraverso la creatività degli artisti.



Mostra d'Arte Solidale - Villa Rubelli

14 maggio - 11 giugno 2023

Uniti nell'ARTE per una causa nobile.


L'ARTE è un valore universale perché unisce tutti: dalle persone più diverse a quelle lontane. L'ARTE è BELLEZZA, un linguaggio che crea ponti tra civiltà e generazioni. "La bellezza salverà il mondo" Cosi scrisse Dostoevskij. Alla luce di questa frase, noi dovremmo essere in grado di riconoscere la Bellezza a vantaggio di una causa nobile. Tuttavia sappiamo veramente cosa è la BELLEZZA?

Da Platone a Hegel fino a Nietzsche molti sono gli autori che hanno tentato di far luce su cosa sia il Bello. Quando parliamo di Bellezza, la nostra attenzione si ferma a una semplice dimensione estetico-sensoriale, facendoci perdere di vista la totalità, chiaramente difficile da raggiungere e da identificare. Il concetto di Bellezza è comunque l'unico in grado di offrire una possibilità di redenzione alla realtà incerta e frammentata che ci circonda.

Platone nella sua opera "Ippia Maggiore" medita sul concetto di bellezza. Il filosofo sostiene che concepire il bello come manifestazione esteticamente gradevole di un'opera d'arte ci porta ad escludere la possibilità di affidarci alla bellezza per salvare il mondo. Il Bello, come affermava Hegel, è un concetto e in quanto tale richiede uno sforzo per afferrarlo. Dalla dimensione sensibile ed estetica è necessario un successivo distacco per una comprensione profonda e utile nella costruzione di una prospettiva di salvezza per la nostra difficile realtà contemporanea.

L'ARTE ci ricorda che l'essere umano è capace di produrre opere meravigliose e sorprendenti. L'ARTE è conforto, cura per l'anima, resilienza e fonte d'ispirazione.

L'ARTE ci permette di condividere emozioni, pensieri e ideali.

L'arte è Saggezza perché supera il confine dell'interesse e dell'utile per entrare nella dimensione della ricerca di armonia dove si coglie l'intimità della realtà. Ogni artista aderisce al "Progetto Vallorgana" nella consapevolezza del valore dell'Arte che nasce dal profondo dell'anima.

 

Maria Carla Prevedello

POKER i suoi simboli - Composizione

 

Sì, è vero, i simboli del poker hanno una forte connotazione culturale che va oltre il semplice gioco d'azzardo. Il poker è infatti diventato una metafora della vita stessa, dove spesso ci troviamo a dover fare scelte difficili in situazioni di incertezza e rischio.

I simboli delle carte da gioco, come cuori, quadri, picche e fiori, sono diventati iconici e riconoscibili in tutto il mondo, e sono spesso utilizzati anche in altri contesti, come la moda, la musica e la pubblicità.

Il lavoro di Gambasin è particolarmente interessante perché mostra come la casualità e l'incertezza possono dare origine a nuove forme d'arte. L'uso della carta cotone come materiale di base per creare immagini e figure surreali è un esempio di come la creatività possa essere stimolata dalle limitazioni e dalle imperfezioni del materiale stesso.

In sintesi, il gioco del poker rappresenta non solo un gioco d'azzardo, ma una profonda ricerca psicologica dell'avversario, fortuna e incertezza che sono parte integrante della vita stessa.

La loro presenza in altre forme d'arte testimonia la loro importanza come archetipo culturale.



Mostra d'Arte Solidale - Fonte


Le opere attuali di Giovanni Gambasin sono cosmi estremamente dettagliati in formato miniatura, realizzati con l’aiuto di matite colorate, inchiostro e acquerelli su carta.

Nel gioco di linee, di contrasti di chiaroscuro e di colori delicati, forme, forme e ornamenti dall’aspetto organico e ricco di riferimenti si dispiegano in una densità travolgente.

L’artista rimane sempre fedele al surrealismo, a cui si è dedicato per decenni, ma in una forma completamente nuova.

Il suo lavoro inizia ora senza un prerequisito o un programma. I materiali, la carta e i colori sono sufficienti.

Nel processo creativo, le linee e le forme prendono forma e gradualmente producono significati, di cui l’artista diventa gradualmente consapevole fino al completamento delle opere. Agli spettatori viene lasciata la gioia di scoprire da soli questi riferimenti e significati.

La mia ricerca continua da più di cinquant'anni nel tentativo di dipingere/immaginare il contrasto tra vita e sogno.

Giovanni Gambasin ha esposto in numerose città, tra cui Roma, Venezia, Padova, Treviso, Milano, Messina e Asolo e in altre città italiane.

All'estero, in Germania: Onil Gallery Bremen, Bellingen Art Group, Mindleim Rathaus, Berlin Gallery (Virtual).

A Londra presso ErotikArt, in Svizzera, a Banja Luka, Pocitelj Bosnia, Korcula e altri luoghi. 

Ha partecipato a più di 320 mostre collettive e concorsi di pittura.

Nel 2021 ha ricevuto il Premio d'Arte del Comune di Canale Monterano e dell'Università di Roma.

La serie dei disegni dell'ultimo periodo, segna il ritorno di Gambasin, dopo un lungo periodo di inattività, alla produzione artistica di miniature a matita, acrilici e chine colorate su carta cotone pregiata.

Nonostante le differenze tecniche rispetto al passato, in essi permane la presenza della dimensione del sogno, inteso come pensiero, e della realtà in un rapporto di opposizione e, al tempo stesso, di dialogo.

Nel loro insieme queste opere, complice anche la loro piccola dimensione, possono sembrare tutte molto simili, ma a un esame più attento si possono notare le particolarità che rendono ogni lavoro unico.



International Art Caravan - COREA


Self-taught Surrealist painter.

In his ambitious youthful quest, in his always unfinished attempt to give an answer to the great themes of life, he came across a painting by Salvador Dali “Giraffes in flames”, which inspired him and showed him a path, that of surrealism, which he did not know.

 

For Gambasin a painting is like a book, a painting tells a quest, it tells a reflection, it tells a story. In fact, his paintings need to be ‘read’. The dominant theme of his ‘story-paintings’ is undoubtedly the opposition between life and dream.



5th FIGURATIVEInternational Juried Art CompetitionFEBRUARY 2023




6th ANIMALInternational Juried Art CompetitionJANUARY - FEBRUARY 2023​